Boris Dubin, a soli 67 anni, è morto

Per la Russia che ancora crede che sia possibile un'alternativa al regime putiniano, è una perdita incolmabile.

È morto a Mosca il 20 agosto, a soli 67 anni, Boris Dubin, intellettuale di primo piano nella vita culturale russa vicino a Memorial, sempre pronto ad andare contro corrente per difendere i valori della democrazia. Sociologo, Boris è stato fin dall’inizio fra i fondatori del prestigioso centro di studi dell’opinione pubblica creato durante la perestojka da Jurij Levada, che Putin ha cercato invano di ridurre al silenzio. Studioso di grande cultura e spiccata sensibilità letteraria, Boris è stato anche un importante traduttore: sua, in particolare, la traduzione di Borges. Per la Russia che ancora crede che sia possibile un’alternativa al regime putiniano, è una perdita incolmabile.

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi