Russian Interiors di Andy Rocchelli

Un’antologia di ritratti femminili sullo sfondo degli ambienti domestici scelti dalle stesse donne fotografate.

Russian Interiors di Andy Rocchelli

Cesura Publish

Russian Interiors, pubblicato da Cesura, l’agenzia fotografica indipendente di cui Andy Rocchelli era cofondatore e membro, era già pronto per la stampa nella primavera dello scorso anno.  Il libro però ha visto la luce nel novembre 2014, postumo, curato dai suoi colleghi, perché un colpo di mortaio il 24 maggio 2014  ha ucciso Rocchelli a Slaviansk, Est Ucraina, dove  si trovava a documentare le condizioni di vita delle popolazioni civili nel conflitto tra le forze  dell’esercito ucraino e i gruppi armati separatisti filo-russi.

Apparso in una prima edizione numerata e già esaurita, il libro raccoglie, in una veste raffinata realizzata dalle Grafiche Antiga di Verona, un’antologia di ritratti femminili sullo sfondo degli ambienti domestici scelti dalle stesse donne fotografate. Tutto è nato dall’incontro simpatetico tra il fotografo italiano, spesso a Mosca, ma anche in Daghestan, Kirghizistan,Cecenia, Inguscezia, alle prese con la sfida di sostenere autonomamente i suoi  progetti di reportages indipendenti  e molte donne russe, desiderose di avere un bel ritratto, per ragioni e necessità diverse. Scatti a prezzo contenuto, realizzati direttamente a casa, sono stati l’occasione di una esplorazione dell’universo femminile che ha poi assunto gradualmente la valenza di una ricerca antropologica.

Volti e contesti, gesti e sguardi, tessuti e arredi  compongono un inedito mosaico di atmosfere private e parlano linguaggi di confidente intimità. Ciascuno scatto coglie il soggetto in una posa spontanea, liberamente assunta mentre racconta al fotografo della propria vita. E gli interni diventano la chiave per interpretare le aspirazioni di chi li vive, li ha scelti o li subisce. I motivi cromatici e gli attributi tattili degli oggetti arricchiscono ogni scena come quinte teatrali e le pagine si aprono come sipari a svelare, e a nascondere, sogni, ambizioni, solitudini.

Recensioni

Martin Parr’s best Photobookss “British Journal of Photography”, December 2014-January 2015

M.Smargiassi, Le ragazze dell’Est che sognano un’altra vita, ne  “Il venerdì di Repubblica”, 28 novembre 2014 , p.101

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi