I diritti umani nel mondo globale: un percorso formativo

Progetto rivolto agli studenti delle scuole superiori di Milano

Il progetto di un percorso formativo articolato rivolto agli studenti delle scuole superiori di Milano e provincia e dedicato al tema dei diritti umani nasce dalla necessità di colmare un vuoto nei programmi scolastici. Il progetto, arrivato alla sua quinta edizione, intende favorire una riflessione critica, una conoscenza di base, un approfondimento delle problematiche etiche e politiche connesse alla sfida, nel mondo presente, per la realizzazione di una cultura dei diritti umani.

Le lezioni proposte, che partiranno a fine novembre 2016 e si concluderanno a marzo 2017, sono le seguenti:

  1. Dai diritti del cittadino ai diritti della persona: l’universalità dei diritti umani. (Marcello Flores, Università di Siena)
  2. “La necessità di cercare rifugio, la possibilità di offrire accoglienza: quando i diritti sembrano contrapposti”. (Marco Fossati, storico)
  3. Guerre, conflitti e rifugiati: le aree di crisi presenti e le loro radici storiche. (Giovanni Gozzini, Università di Siena)
  4. La Russia di Putin. (Anna Zafesova, “La Stampa”)
  5. Censura e media in  Russia. (Elena Freda Piredda e Giulia De Florio, ricercatrici)
  6. Il mondo musulmano e i diritti. (Farian Sabahi, Università di Torino)

Programma delle lezioni a.s. 2016-2017

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi