Il diritto di testimoniare l’obbligo della verità

Conferenza stampa, martedì 23 maggio 2017 ore 16.00 - Sala Nassirya, Senato della repubblica

maggio 2014 – maggio 2017

Fotoreporter in luoghi di guerra
Il diritto di testimoniare l’obbligo della verità
conferenza stampa, martedì 23 maggio 2017 ore 16.00 – Sala Nassirya, Senato della repubblica

Interverranno il presidente della Commissione per la tutela dei Diritti umani Luigi Manconi, i genitori di Andrea, Elisa e Rino Rocchelli, l’avvocato della famiglia Alessandra Ballerini, il presidente della Federazione nazionale della stampa Beppe Giulietti e il giornalista francese William Roguelon.
Il 24 maggio ricorrerà il terzo anniversario della morte di Andrea Rocchelli, il fotoreporter italiano ucciso in Ucraina, dove stava documentando le sofferenze della popolazione civile nel conflitto tra separatisti filorussi ed esercito ucraino.
Con lui perse la vita il suo accompagnatore e amico, lo scrittore russo e attivista per i diritti umani Andrej Mironov, mentre l’altro giornalista presente William Roguelon fu gravemente ferito. Andrea Rocchelli ha pubblicato su Newsweek, Le Monde, Wall Street Journal, Foreign Policy, Novaya Gazeta, Sportweek, NZZ, Kommersant, occupandosi tra l’altro di crisi umanitarie e guerre nell’area caucasica ex-sovietica.
Per ricordarlo e ribadire la richiesta di verità e giustizia avanzata dalla famiglia, martedì 23 maggio, alle 16, in sala Caduti di Nassirya al Senato della Repubblica, il senatore Luigi Manconi, presidente della Commissione Diritti Umani, ha promosso una conferenza stampa dal titolo “Andrea Rocchelli, Andrey Mironov, William Roguelon: fotoreporter in luoghi di guerra. Il diritto di testimoniare. L’obbligo della verità”. Partecipano i genitori di Andrea, Elisa e Rino Rocchelli, l’avvocato della famiglia Alessandra Ballerini, il presidente della Federazione nazionale della stampa Beppe Giulietti e il giornalista francese William Roguelon, che viaggiava sull’auto con Rocchelli e Mironov bersagliata da colpi di mortaio lungo la strada per Slaviansk.
Roguelon, insieme all’autista che accompagnava Rocchelli e Mironov e un quarto passeggero, sono gli unici superstiti di quell’attacco.

Leggi articolo su “Il Venerdì” di Repubblica 19 maggio 2017

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi