Presentazione del libro "Leningrado Underground" di Marco Sabbatini

Si terrà 21 aprile alle 18.30 la presentazione dell'ultimo libro di Marco Sabbatini, uscito per Edizioni Write Up Site. Registrazione necessaria via Zoom.

Mercoledì 21 aprile 2021 ore 18.30 via ZOOMCopertina del libro Leningrado Underground

Presentazione del libro Leningrado underground. Testi poetiche samizdat

di Marco Sabbatini

Edizioni WriteUp Site 2020

Presentano il libro:

Fausto Malcovati, Valentina Parisi, Marco Sabbatini, Anna Zafesova

L’underground di Leningrado è uno spazio culturale indipendente nella Russia sovietica del secondo Novecento, che dà voce a una feconda e composita pleiade di autori non ufficiali. Il volume propone un itinerario attraverso i linguaggi elaborati da questa seconda realtà artistico-letteraria, che sfugge alla censura e rielabora gli stilemi delle poetiche moderniste, subendo al contempo il fascino della filosofia religiosa, dell’esistenzialismo e dell’assurdo. In un contesto poco incline al dialogo estetico e ideologico, gli eroi di questo sottosuolo sviluppano tematiche proibite attraverso il samizdat, fenomeno che risulterà determinante per la propagazione delle istanze di una coscienza intellettuale autonoma e condivisa. Oltre il limine del socialismo reale, si distinguono in modo particolare i poeti di Leningrado, la cui vena creativa ha generato la più originale trasposizione in chiave contemporanea del mito letterario di Pietroburgo.

Marco Sabbatini insegna Letteratura e cultura russa all’Università di Pisa. I suoi ambiti si ricerca riguardano prevalentemente la Russia moderna e contemporanea. Alla letteratura del samizdat del secondo Novecento sono dedicati lavori pubblicati in russo, italiano, inglese e francese. Altri temi concernono l’emigrazione culturale e i rapporti letterari italo-russi, con contributi su Anna Achmatova e una monografia su Viktor Nekrasov. Ha tradotto diversi autori russi, curando, tra gli altri, volumi sul Vjaceslav Ivanov, Rid Gracev e Viktor Krivulin.

Registrazione via Zoom qui. Una email di conferma con le informazioni necessarie per entrare nel webinar sarà inviata una volta effettuata l’iscrizione.

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi