Čornobil’ L'assenza di Dundovich Elena

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Čornobil’ L'assenza di Dundovich Elena

Passigli Editori, 2012

L’incidente avvenuto in Ucraina il 26 aprile 1986 ad uno dei quattro reattori della centrale nucleare della cittadina di Pripiat’, poco distante dalla più nota Chernobyl, ha rappresentato un evento di importanza fondamentale sia dal punto di vista degli equilibri internazionali allora esistenti sia sotto il profilo dell’ormai irreversibile declino dell’esperienza sovietica. Per quanto riguarda l’Europa, la reazione dei paesi della Comunità, i più esposti direttamente al rischio di radiazioni, fu debole e priva di un reale coordinamento. Le carte inedite di Sir Christopher Audland, conservate presso gli Archivi Storici delle Comunità Europee di Firenze, che dal 1981 era stato nominato Direttore Generale per l’Energia all’interno della Commissione Europea, documentano gli sforzi compiuti dalla Commissione Delors per elaborare insieme all’Agenzia Internazionale per l’Energia atomica una linea politica comune a livello europeo non solo per fronteggiare gli effetti immediati dell’incidente, ma anche per elaborare una linea politica da seguire per il futuro. Ma danno conto anche di una Comunità Europea fiaccata da anni di difficoltà economica e di tensioni politiche dinanzi alle quali gli stati membri sembravano ormai propensi a rispondere unilateralmente con iniziative nazionali.

Elena Dundovich insegna Storia delll’Europa Orientale e Storia delle Relazioni Internazionali alla Facoltà di Scienze Politiche di PIsa. Da anni si occupa di storia sovietica e in particolare di storia delle repressioni staliniane e del GULag. Ha pubblicato con Carocci il volume Tra esilio e castigo. Il Komintern, il PCI e la repressione degli antifascisti italiani in URSS (1998) e con Laterza Italiani nei lager di Stalin (2006). È membro fondatore dell’associazione Memorial Italia che si occupa di diffondere in Italia la storia dell’URSS e della Federazione Russa dopo il 1991, con particolare attenzione alla tutela dei diritti umani anche nelle ex repubbliche sovietiche.

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi