Campana Giovetti Elisabetta

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Campana Giovetti Elisabetta

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Campana Giovetti

Nome: Elisabetta

Figlio di: Primo

Pseudonimo: Lisa Merendi

Luogo e data di nascita: Nata a Roverbella (MN), l’ 8 ottobre 1896

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Espatria legalmente in Francia nel 1923 per raggiungere il marito Gino Giovetti, funzionario del PCI e fuoriuscito politico.
Nel 1932, in seguito all’arresto del marito rientrato clandestinamente in Italia, il MOPR la invia in URSS insieme al figlioletto Primo.

Data dell’arrivo in URSS: 1932.

Percorso professionale/politico in URSS:
Si stabilisce a Gor’kij, dove lavora come tappezziera presso la locale fabbrica di automobili. Nell’agosto 1937 chiede all’ambasciata italiana a Mosca di poter lasciare l’Unione Sovietica per andare in Francia. Tra il 1936 e il 1937 i dirigenti del PCI che lavorano alla Sezione Quadri del Comintern prendono più volte in esame il suo caso. Nel ricostruire la sua biografia e il suo percorso politico, giudicano inopportuno che diventi membro del VKP(b).

Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestata a Gor’kij nel 1938.

Liberazione: Liberata dopo circa due anni, nell’aprile 1940, ritorna a Gor’kij e vi rimane per tutto il periodo della Seconda Guerra Mondiale. Dopo la fine della guerra ritorna in Italia con il figlio Primo.

Fonti archivistiche: RGASPI, 513 2 69; FIG, APC,1921-1943, fasc. 1517; FIG,Fondo Robotti; ACS, CPC busta 979.

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi