Cursi Vittorio

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Cursi Vittorio

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Cursi

Nome: Vittorio

    Figlio di: Gaetano

    Luogo e data di nascita: Nato a S. Giovanni Valdarno (AR), il 22 ottobre 1896

    Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Anarchico, operaio metallurgico, si iscrive al PCI. Arrestato e condannato numerose volte per atti di insubordinazione e oltraggio a pubblico ufficiale, nel 1922 viene colpito da mandato di cattura del Tribunale di Arezzo e, per sfuggire all’arresto, tenta di lasciare l’Italia per recarsi in Svizzera. Non riuscendovi, si imbarca clandestinamente a Trieste alla volta del Mar Nero

    Data dell’arrivo in URSS: 1922; 1930

    Percorso professionale/politico in URSS: Giunge a Batumi imbarcato clandestinamente a bordo del piroscafo italiano del Lloyd triestino “Carniola”. Nel 1926 si reca all’ambasciata italiana a Mosca per chiedere di essere rimpatriato insieme alla moglie e alla figlia, dal momento che, nel frattempo, il mandato di cattura a suo carico ? stato revocato per amnistia. Nel 1926 torna in Italia con la famiglia. Dopo poco tempo si separa dalla moglie.Vive prima a San Giovanni Valdarno, poi, nel 1927, si trasferisce a Milano. Nel 1928 ? espulso da PCI. Nel 1929 lascia definitivamente l’Italia e, dopo aver viaggiato alcuni mesi per l’Europa, nel 1930 torna in URSS dove, appena giunto a Leningrado, viene arrestato dalle autorit? sovietiche con l’accusa di essere una spia del Governo italiano

    Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestato il 12 febbraio 1930 a Leningrado con l’accusa di essere una spia del Governo italiano

    Data, luogo e causa della morte: Muore il 21 maggio 1930 nell’ospedale della prigione di Leningrado, dove ? detenuto, ufficialmente per tisi polmonare

    Fonti archivistiche: RGASPI, f. 513, op. 2, d. 69; ACS, CPC busta 1564

     

    Aiutaci a crescere

    Condividi su:

    Per sostenere Memorial Italia

    Leggi anche:

    Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

    Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

    Leggi