Della Balda Ubaldo

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Della Balda Ubaldo

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Della Balda

Nome: Ubaldo

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Operaio specializzato della ditta Ingg. Cali e Scaini. Il 25 agosto 1936 è inviato in URSS per eseguire dei lavori per costruzioni di impianti di accumulatori elettrici

Data dell’arrivo in URSS: 1936

Percorso professionale/politico in URSS: Giunto a Mosca, dopo due o tre giorni si trasferisce a Leningrado, dove inizia a lavorare presso lo stabilimento di accumulatori “Lieutenant Šmit”. Alloggia prima all’albergo Europa e poi all’Astoria. Nel maggio 1937 si reca in Italia per due settimane, poi torna in URSS

Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestato nel giugno 1937 con l’accusa di contrabbando, per aver venduto oggetti (orologio, abiti) ai colleghi sovietici. Chiede il rimpatrio

Condanna: Condannato a 8 anni di carcere il 23 novembre 1937, detenuto nel carcere di Leningrado. Successivamente la pena gli viene ridotta a 3 anni, forse per intervento delle autorità consolari italiane. Il 25 dicembre 1938 è tradotto nel carcere di Orel, dove si trova ancora nel 1939

Fonti archivistiche: ACS CPC, busta 1019 MAE

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi