De Martino Sergio nato nel 1923

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

De Martino Sergio nato nel 1923

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: De Martino

Nome: Sergio

Figlio di: Pasquale

Luogo e data di nascita: Nato a Kerch’ nel 1923.

Percorso professionale/politico in URSS: Figlio di Pasquale e Anna De Martino, due contadini originari della provincia di Bari.

Data, luogo e motivi dell’arresto: Deportato nel 1942 insieme ai genitori e ai due fratelli Francesco e Giuseppe in Kazachstan, a Karaganda, e poi arrestato con l’accusa di spionaggio.

Condanna: Il 17 aprile 1943 viene condannato dall’OSO dell’NKVD alla pena di morte commutata poi, nel giugno dello stesso anno, nella condanna a 10 anni di lavori forzati in Siberia e a cinque anni di privazione di ogni diritto civile. Inizialmente lavora alla miniera di Dnepropetrovkij del Beregovoj lager n. 5, poi alla miniera Lazo. Nel 1947 viene trasferito a Magadan per lavorare nella zona delle miniere d’oro.

Liberazione: Liberato nel maggio 1952 ma costretto al confino per altri tre anni. Viene liberato definitivamente nel 1956. Dopo la liberazione, lavora per lunghi anni come capitano della motonave Mercury. Si ritira in pensione a Krasnodar dove scrive i ricordi dei lunghi anni passati nei lager sovietici. Ha donato le sue memorie “Confessione con la bocca cucita” al museo di Magadan. Muore in Russia nel 1992.

Fonti archivistiche: Archiv Upravlenija MVD po Magadanskoj oblasti Archiv Memoriala, Magadan.

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi