Di Modugno Sergio

Aiutaci a crescere

Condividi su:

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Di Modugno

Nome: Sergio

Pseudonimo: Nino Pilato

Luogo e data di nascita: Nato a Cerignola (FG), l’ 8 maggio 1902

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Muratore. Anarchico-comunista prende parte alle prime lotte antifasciste. Nel 1927 espatria in Francia per sottrarsi all’arresto. A Parigi, sempre nel 1927, nel corso di una manifestazione in favore di Sacco e Vanzetti, uccide il console italiano Nardini. Il Tribunale francese, tenuto conto del movente politico, lo condanna a soli due anni di carcere. Scontata la pena, si trasferisce in URSS

Data dell’arrivo in URSS: 1929

Percorso professionale/politico in URSS: Vive a Mosca, dove lavora in fabbrica. Nel 1931 si iscrive al VKP(b) ma nel 1933 ne viene espulso per il suo atteggiamento antisovietico. Si rifiuta di prendere la cittadinanza sovietica. Tra il 1936 e il 1937 i dirigenti del PCi che lavorano alla Sezione Quadri del Komintern prendono pi? volte in esame il suo caso. Nel ricostruire la sua biografia e il suo percorso politico, essi lo segnalano in maniera ricorrente come un elemento estremamente negativo e ostile

Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestato una prima volta nel 1935, viene presto liberato. La seconda volta ? arrestato il 6 agosto 1937 per agitazione antisovietica.

Condanna: Dopo il secondo arresto, ? condannato a cinque anni di lavori forzati il 10 ottobre 1937 . Viene deportato in Siberia, dove probabilmente muore mentre sta scontando la pena.

Fonti archivistiche: GARF, f. 10035,op. 1,d. P-31289; RGASPI, 513. 2. 63 RGASPI, 513. 2. 64 RGASPI,513. 2. 65 RGASPI,513. 2.69; ACS, CPC busta 1802

     

    Aiutaci a crescere

    Condividi su:

    Per sostenere Memorial Italia

    Leggi anche:

    Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

    Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

    Leggi