Irruzione in casa rifugio per donne vittime di violenza in Daghestan

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Il 10 giugno, alcuni uomini ceceni non identificati, insieme a rappresentanti della polizia daghestana, sono entrati senza permesso in una casa rifugio per le violenze domestiche nella città di Machačkala, capitale del Daghestan. La responsabile, Svetlana Anochina, giornalista e attivista per i diritti delle donne, stava rilasciando un’intervista alla testata giornalistica Kavkaz.realii quando alcuni poliziotti e uomini ceceni hanno suonato alla porta e hanno fatto irruzione, portando via a forza Svetlana Anochina e alcune ragazze che si trovavano nell’appartamento. Una di loro, cecena, era fuggita dalla famiglia che le infliggeva continue violenze fisiche, minacciandola di morte.

Non è ancora chiaro dove si trovino ora le ragazze e la stessa Svetlana Anochina, ma il rischio che vengano uccise o condannate a lunghi periodi di detenzione è reale.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi