Il lavoro delle donne

Descrizione: Le Donne Nei Lager

Fra i detenuti gli uomini sono sempre stati la maggioranza.  La percentuale delle donne prima della guerra era di circa il 10%, ma durante la guerra aumentò gradualmente, in seguito alla mobilitazione degli uomini nell’esercito, raggiungendo il 30% all’inizio del 1945.  Negli anni ’50 le donne costituivano circa il 15% della popolazione dei lager e delle colonie.  I bambini e gli adolescenti (fino a 17-18 anni) costituivano di solito l’1-2% dei detenuti.  Gli uomini di età compresa fra i 18 e i 55 anni prevalevano decisamente anche fra i mobilitati al lavoro.

Diversa era la situazione fra i deportati, gli specpereselency.  Qui uomini e donne erano più o meno alla pari; i bambini (fino ai 16 anni) erano circa un terzo (di meno verso la metà degli anni ’30 per l’altissima mortalità infantile, di più alla fine della guerra, quando la percentuale dei bambini raggiunse il 40%).

[nggallery id=39 template=caption]

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi