Cecenia. Una guerra e una pacificazione violenta

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Cecenia. Una guerra e una pacificazione violenta

cecenia_guerra

La mostra fotografica di grande impatto racconta quanto è accaduto negli ultimi vent’anni in Cecenia.
Nota ai più per tragici attentati come quello al teatro Dobrovka di Mosca nel 2002 o la presa degli ostaggi alla scuola di Beslan due anni più tardi, la Cecenia rivela un conflitto più volte dimenticato che affonda le sue radici nelle deportazioni della Seconda Guerra Mondiale. I visitatori possono ripercorrere il corso della guerra dalle origini fino ad oggi attraverso una ricca documentazione. Le fotografie, scattate sia da fotoreporter sia dalla popolazione civile, narravano le cause e le conseguenze del conflitto.

Prodotta dal Museo Diffuso della Resistenza, della deportazione, della guerra, dei dirittti e della libertà
a cura di Marco Buttino e Alessandra Rognoni
con la collaborazione di Memorial Mosca e Memorial Italia
con il sostegno della Città di Torino e della Compagnia di San Paolo

Percorso della mostra

1. Il crollo dell’URSS
2. La prima guerra: 1994 -1996
3. La seconda guerra: 1999 – ?
4. Il terrorismo
5. Una pace violenta, una democrazia lontana

Per una descrizione dettagliata della mostra, del suo contenuto, dei curatori, del comitato scientico e dei partner, cliccare qui.
Scheda tecnica
 Per ulteriori informazioni cliccare qui

mostra_cecenia

Il libro “Cecenia. Una guerra e una pacificazione violenta può anche essere acquistato direttamente ordinandolo all’editore con lo sconto del 20% e spedizione gratuita in contrassegno postale:
Silvio Zamorani editore
Corso San Maurizio 25
10124 Torino
tel. 011 8125700
fax 011 8126144
 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi