Io, prigioniero di Putin – intervista a Mikhail Khodorkovskij

L’ex oligarca Khodorkovskij è in carcere da sette anni dopo uno scontro col Cremlino...

Repubblica 25/05/2010

È in carcere da 7 anni, accusato di evasione fiscale. Ricchissimo, alla guida di un colosso del petrolio, ha perso tutto dopo essere diventato il peggior nemico di Putin.  Adesso lancia un appello: “Restituite la democrazia al mio Paese”

Khodorkovskij- L’oligarca ribelle

MOSCA

Un sorriso dietro al vetro blindato. Mikhail Khodorkovskij usa al meglio l’unica arma che gli è rimasta dopo sette anni carcere: quell’aria scanzonata e irriverente che tanto irrita il suo più ostinato nemico, il premier Vladimir Putin. L’oligarca ribelle mostra il pollice alzato, continua a sorridere ai suoi avvocati, agli agenti in divisa nera che sorvegliano la sua gabbia di imputato, all’anziana signora cheogni mattina  di udienza si fa trovare in aula e che ogni volta gli rivolge un flebile applauso e un mormorio di benedizioni. La cella, i lavori forzati in Siberia, la minaccia di un’altra lunga condanna, non hanno lasciato segni visibili su questo quarantasettenne ex miliardario diventato una bandiera della fragile opposizione russa. Arriva in manette al terzo piano del tribunale distrettuale Khamovnicevskij sulla riva orientale della Moscova.

Scarica PDF della versione  completa.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi