Il nome della stella è Assenzio

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Il nome della stella è Assenzio

Ricordando Chernobyl

Parlare di Chernobyl, il più grave incidente nucleare della storia, avvenuto il 26 aprile 1986, vuol dire parlare del passato, del presente e del futuro. Lo fanno qui varie voci, quasi tutte ucraine: storici, sociologi, antropologi del rischio, poeti, scrittori, fotografi, artisti, bambini. Il loro racconto ci presenta il disastro, non nella sua dimensione scientifica e tecnologica, ma in quella più profondamente umana, come evento che ha sconvolto la storia di un Paese e la vita di un popolo.
E’ una visione diversa di quell’evento, visto nella situazione storica che lo rese possibile, nella lunga scia di conseguenze che ha portato e porterà con sè per le singole persone e per un territorio, negli squarci che apre sulla nostra consapevolezza del presente e del futuro.

Chernobyl, in ucraino Chornobyl, vuol dire anche “assenzio”.
“Il nome della stessa è Assenzio” è il versetto 8,11 dell’Apocalisse di Giovanni. Esso preannuncia che al suono della terza tomba la stella Assenzio cadrà dal cielo e irradierà il suo potere come una torcia ardente rendendo amare le acque dei fiumi e facendo morire una gran quantità di uomini.

Il libro nasce dalla collaborazione tra l’Associazione umanitaria e culturale “Il Ponte-Mict” di Caldogno e l’Istituto per le ricerche di storia di Vicenza. E’ curato da Francesca Lomastro, storica, rappresentante de “Il Ponte-Mict”, Andrii Omelianiuk, rappresentante del Fondo umanitario “Korda” di Kiev, e Oxana Pachlovska, scritrice e poetessa, docente di storia e letteratura ucraina all’Università di Roma “La Sapienza”.
Al libro è allegato il video “1986-2006: ricordare Chernobyl”.
La pubblicazione è stata realizzata con il contributo del CSV di Vicenza.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi