Mappa – Località in cui furono confinati o deportati gli italiani

 

Località in cui furono confinati o deportati gli italiani

28. Vorkuta (Repubblica Autonoma dei Comi)
29. Syktyvkar (Repubblica Autonoma dei Comi)
30. Pinega (Regione di Archangel’sk)
31. Repubblica di Baskiria
32. Čeljabinsk
33-35. Regione di Krasnojarsk
36. Regione di Gor’kij
37. Archangel’sk
38. Jaren’sk (regione di Archangel’sk)
39. Astrachan’
40. Aleksandrov (regione di Vladimir)
41. Kiev (Ucraina)
42. Akmola (Kazachstan)
43. Semipalatinsk (Kazachstan)
44. Karaganda (Kazachstan)
45. Džalagaš, Kzyl-Orda (Kazachstan)
46. Mirzachul’ (Taškent, Uzbekistan)

 

ritorna alla pagina Documenti relativi agli italiani in Unione Sovietica

 

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi