Bellusich Giovanni

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Bellusich Giovanni

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Bellusich GiovanniCognome: Bellusich

Nome: Giovanni

Figlio di: Giovanni

Luogo e data di nascita: Nato a Rovigno d’Istria il 25 novembre 1902

Percorso professionale/politico in URSS: Lavora come autista a Leningrado. Non iscritto al partito, mantiene la cittadinanza italiana. Nel 1933 i dirigenti del PCi che lavorano alla Sezione Quadri del Komintern lo denunciano per il suo comportamento controrivoluzionario e i legami che avrebbe stretto con alcuni non meglio identificati elementi trockisti

Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestato a Mosca tra il dicembre 1934 e il gennaio 1935 con l’accusa di essere membro di un’organizzazione trockista controrivoluzionaria, in base all’art. 58-10 e 58-11. Arrestato insieme a Bernetich, Calligaris e Gaggi

Condanna: Condannato a tre anni di confino il 4 marzo 1935 dalla OSO dell’NKVD per attività trockista controrivoluzionaria. Mentre sconta la pena, viene nuovamente arrestato e condannato a cinque anni di lager il 7 giugno 1936, sempre con la medesima imputazione. Inviato all’Uchtinsko-Pečorskij lager. Condannato alla pena capitale il 15 febbraio 1938 da una trojka dell’UNKVD della regione di Archangel’sk in base all’art. 58-10

Data, luogo e causa della morte: Fucilato nel 1938

Riabilitazione: Riabilitato nel 1956

Fonti archivistiche: GARF,f.10035,op.1,d.P-48027; CA FSB RF,sled. d. n. 216243; Archiv Glavnoj Voennoj Prokuratury ; ACS,CPC busta 471

Martirologi: Comi

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi