Damiano Leonardo

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Damiano

Nome: Leonardo

Figlio di: Simone

Luogo e data di nascita: Nato a Canosa (BA), il 1 gennaio 1913

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Operaio. Emigra nel 1921 con la famiglia per gli Stati Uniti. Viene espulso dagli USA per motivi politici e nel 1933 ripara in URSS

Data dell’arrivo in URSS: 1933

Percorso professionale/politico in URSS: Lavora come meccanico a Gor’kij. Nel 1936 i dirigenti del PCI che lavorano alla Sezione Quadri del Komintern prendono più volte in esame il suo caso. Nel ricostruire la sua biografia e il suo percorso politico, sottolineano la richiesta che egli ha inoltrato al consolato italiano per uscire dall’URSS

Data, luogo e motivi dell’arresto: Arrestato una prima volta a Gor’kij nell’aprile 1938, poi nel 1942

Condanna: Condannato a otto anni di lavori forzati come “nemico del popolo” e inviato a Vjatskij lager. Liberato dopo due anni, nel 1942 viene mobilitato dall’RVK Sverdlovskij, della regione di Gor’kij, e inviato nella colonia dell’NKVD di Čeljabinsk (5°, 15°, e 6°battaglione di lavoro), dove rimane fino al 21 novembre 1945

Liberazione: Dopo la liberazione, si stabilisce a Mosca. E’ morto a Mosca nel 2002

Fonti archivistiche: RGASPI, f. 513, op. 2, d. 69; Gosudarstvennyj archiv Čeljabinskoj oblasti, l.d. n. 32594;
FIG, Fondo Robotti; ACS, CPC busta

Martirologi: Mosca

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi