L’omicidio di Boris Nemcov: la responsabilità del potere

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

L’omicidio di Boris Nemcov: la responsabilità del potere

Nella notte tra il 27 e il 28 febbraio 2015 in pieno centro a Mosca, a un centinaio di metri dal Cremlino, Boris Nemcov è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco. È un omicidio politico.
Negli ultimi anni e mesi il governo russo e i mezzi di comunicazione di massa al suo servizio hanno prodotto un’atmosfera di odio nei confronti di chiunque la pensasse diversamente. La propaganda governativa non solo punta il dito sui bersagli, ma rassicura gli assassini sulla loro impunità. Gli attivisti politici e dei diritti civili, che siano oppositori o liberi pensatori, vengono definiti agenti del nemico, diventando così sostanzialmente “un obiettivo autorizzato”. Per il 1 marzo sul canale NTV è stata annunciata la messa in onda dell’ennesima puntata di “Anatomia della protesta”, in cui Boris Nemcov è presentato come uno dei “nemici” principali.
Non si tratta però soltanto di propaganda: con il beneplacito del governo è nato l’“Antimajdan”, gruppi d’assalto che dichiarano apertamente di avere come scopo la repressione violenta dell’opposizione, fuori dai confini della legalità. Tali squadre sono strettamente legate ai “volontari” che combattono nell’Ucraina orientale, da cui fanno ritorno in Russia persone con esperienza di lotta armata rimasta impunita.
A oggi non sappiamo i nomi degli esecutori, degli organizzatori, dei mandanti del delitto. Ma una cosa possiamo affermare in tutta sicurezza: è stato il potere russo a creare tutte le premesse necessarie per l’omicidio di Boris Nemcov.

Dichiarazione di Memorial Internazionale, Mosca

Traduzione dell’ultima intervista rilasciata da Boris Nemcov a “Echo Moskvy”

Ultima intervista a  Boris Nemcov del  27.2.2015: http://2.cdn.echo.msk.ru/snd/2015-02-27-year2015-2007.mp3 (27.2., russ.)

Intervista a B. Nemcov: http://www.newsweek.com/final-interview-boris-nemtsov-310392

Irina Scherbakova: http://www.deutschlandfunk.de/nemzow-mord-unter-dem-motto-wir-kriegen-euch-alle.694.de.html?dram%3Aarticle_id=312906 (28.2., dt., Audio und Text)

http://khpg.org/en/index.php?id=1425080092 (28.2., engl.)

http://sobesednik.ru/politika/20150210-boris-nemcov-boyus-togo-chto-putin-menya-ubet (10.2., russ.)

Ljudmila Alexejeva – http://www.novayagazeta.ru/news/1691991.html (28.2., russ.)

http://www.hro.org/node/21572 (28.2., russ.)

http://www.memorial.de/index.php?id=42&tx_ttnews[tt_news]=603&tx_ttnews[backPid]=3&cHash=4db955368799645f6eb3d8d294f08b98 (28.2., dt.)

http://novosti.dn.ua/details/246252/ (28.2., russ.)

Russia, il leader dell’opposizione Boris Nemzov assassinato davanti al Cremlino. Anna Zafesova su “La Stampa” (28.2.2015)

Sky TG 24 – intervista ad Anna Zafesova

Morire di opposizione in Russia. Marta Allevato “Il Foglio” (28.02.2015)

Nemtsov: l’ultima intervista alla radio prima di essere assassinato “La Repubblica” (01.03.2015)

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi