GROZNY BLUES di Nicola Bellucci

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Grozny Blues
Scritto da Nicola Bellucci e Lucia Squeglia

CH, 2015, Hd, col., 104’
v.o. russa – cecena / russian – Chechen o.v. – sott. it. / eng. subt.

anteprima italiana / italian premiere

Grozny Blues segue un gruppo di persone a Grozny devastata dalla guerra, dove la vita quotidiana è scandita dalla repressione politica, da usanze restrittive, dall’islamiz- zazione forzata e dall’incapacità di affrontare la storia recente. Da un regista italiano che ha vissuto a lungo in Cecenia.

Grozny Blues follows a few peo- ple around Grozny where daily life is defined by political repres- sion, constricting customs, forced Islamification and the failure to come to terms with recent history. From an italian director that lived in Chechnya.

***

«Grozny Blues» segue la storia di alcuni abitanti di Grozny, capitale della Cecenia lacerata dalla guerra, dove la vita quotidiana è segnata da repressione politica, costumi restrittivi, islamizzazione forzata e l’incapacità di affrontare criticamente la storia recente. Il film si sviluppa intorno a quattro donne che da anni lottano per i diritti umani in un contesto ogni giorno peggiore, sempre più disilluse dal presente nella Russia di Putin. L’edificio dove lavorano ospita anche un Blues Club frequentato da un gruppo di giovani. Questi serbano solo un vago ricordo dell’epoca delle guerre cecene negli anni ‘90, e cercano di dare un senso agli eventi assurdi e grotteschi che accadono nel loro paese. Legando il personale e l’intimo al politico, Nicola Bellucci mostra in modo drammatico e allo stesso tempo molto poetico, cosa significhi vivere in una società divisa, che naviga in una terra di nessuno tra guerra e pace, repressione e libertà, tradizioni arcaiche e modernità.

IL FILM VERRÀ PRESENTATO IN PRIMA ITALIANA AL TRIESTE FILM FESTIVAL 2016
SCREENING:
27 GENNAIO 2016, ORE 16.00 – SALA TRIPCOVICH
alla presenza degli autori

http://www.triestefilmfestival.it/

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi