“Intellectual Life and Literature at Solovki 1923-1930”, Andrea Gullotta

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

“Intellectual Life and Literature at Solovki 1923-1930”, Andrea Gullotta

Andrea Gullotta, Intellectual Life and Literature at Solovki 1923-1930: The Paris of the Northern Concentration Camps
(Cambridge: Legenda, 2018)

Nel 1923, lo stato sovietico creò un campo di lavoro forzato nell’arcipelago delle Solovki, sito famoso per un glorioso monastero confiscato dai sovietici dopo la rivoluzione. Il campo divenne il laboratorio del gulag, dove vennero sviluppate le tecniche di sfruttamento del lavoro forzato poi esportate su scala nazionale durante la creazione del sistema dei campi di lavoro in Urss. Centinaia di prigionieri morirono all’interno delle mura del monastero e nelle gelide foreste dell’arcipelago. Tuttavia il campo produsse una sorprendente quantità di attività culturali “rieducative”: grazie alla connivenza di parte dell’amministrazione del campo, le Solovki divennero un’incredibile cittadella culturale, dove i valori dell’intelligencija morente rimasero impressi nei lavori artistici e nelle parole dei prigionieri, tra cui figuravano non solo poeti, attori e altri intellettuali, ma anche personalità di spicco quali il famoso studioso Dmitrij Lichacev (1906-99) e, più tardi, Pavel Florenskij (1882-1937), il “Leonardo russo”.

Questa rigorosa monografia, basata su numerosi materiali d’archivio inediti, ricostruisce la storia culturale del campo e fornisce un’approfondita analisi dei lavori letterari pubblicati sulla stampa interna delle Solovki fino al 1930, cambiando così lo spettro interpretativo attuale sulla letteratura del gulag e mettendo in risalto la straordinaria lotta di un gruppo di uomini in nome della libertà intellettuale.

“Innovativo e sofisticato, ben scritto ed estremamente originale, il libro di Gullotta non solo fornisce un importante contributo per la comprensione della storia della letteratura sovietica, ma permette anche di vedere la storia sociale e culturale sovietica degli anni venti e trenta del Novecento sotto una nuova luce“. — Evgeny Dobrenko.

Andrea Gullotta è Lecturer in Russian alla University of Glasgow. In precedenza ha lavorato presso le università di Palermo, Ca’ Foscari di Venezia e Padova, dove ha ottenuto il dottorato. È co-direttore della rivista AvtobiografiЯ (www.avtobiografija.com), dedicata agli studi autobiografici di area russa.

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi