Comunicato di Memorial sull'udienza preliminare svoltasi il 23 novembre

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Comunicato di Memorial sull'udienza preliminare svoltasi il 23 novembre

«È iniziata [il 23 novembre] al tribunale della città di Mosca (giudice Michail Kazakov) l’udienza preliminare per la liquidazione del Centro per la difesa dei diritti umani “Memorial”. La corte ha accolto diverse istanze della difesa e ha aggiornato l’udienza preliminare al 29 novembre, alle 15:00. Decine di persone si sono presentate al palazzo di giustizia per sostenere Memorial.
La causa è stata intentata dall’ufficio del procuratore della città di Mosca.
Memorial è rappresentato dagli avvocati Michail Birjukov, Il’ja Novikov e Marija Ejsmont, nonché dagli avvocati Grigorij Vajpan, Anastasija Garina, Tat’jana Gluškova, Natal’ja Morozova e Natal’ja Sekretareva.
I rappresentanti legali dell’organizzazione hanno presentato diverse istanze. Una riguarda il coinvolgimento di Svetlana Gannuškina, Valentin Gefter e Oleg Orlov, i fondatori del Centro per la difesa dei diritti umani “Memorial”. Gli avvocati hanno sottolineato che la decisione del tribunale lederebbe i loro diritti, obbligandoli a sostenere i costi della liquidazione. Il giudice Kazakov ha respinto l’istanza, ritenendo che la decisione del tribunale non avrebbe riguardato i fondatori.
Gli avvocati hanno poi fatto richiesta che le udienze fossero aperte al pubblico e alla stampa, e che fossero permesse le riprese video. I rappresentanti del Ministero della giustizia e dell’ufficio del procuratore si sono opposti, invocando le restrizioni contro la pandemia. Il tribunale ha sostenuto quest’ultima posizione, sottolineando che, se necessario, il servizio stampa del tribunale riprenderà le udienze.
Una terza istanza ha riguardato l’esibizione delle prove: in uno degli otto giudizi del tribunale Tverskoj, allegato alla causa, manca il dispositivo; il certificato di indagine menziona un disco e dei documenti cartacei supplementari. Il giudice ha deciso di recuperare questi documenti.
Un anno fa la procura ha ordinato un’ispezione del Centro per la difesa dei diritti umani “Memorial”. All’organizzazione non è stato ancora comunicato su quali basi sia stata eseguita questa ispezione. Un rappresentante dell’ufficio del procuratore ha promesso di fornire queste informazioni alla prossima udienza.
Il procuratore ha allegato due documenti ai fascicoli del caso che attestano che l’Agenzia federale per la supervisione nella sfera della connessione e comunicazione di massa (Roskomnadzor) e il Ministero della Giustizia hanno ricevuto copie della causa. Il Ministero della Giustizia ha anche allegato la propria memoria scritta. I rappresentanti di Memorial prepareranno una memoria scritta entro il 29 novembre».
A questo link si potrà seguire l’udienza preliminare per il processo a Memorial Internazionale fissata per il 25 novembre.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra: Svitlana Holovata

Svitlana Holovata ha raccontato di come una granata sparata dai russi sia precipitata a casa sua senza esplodere, lasciando in vita lei e la sua famiglia. Dopo la fine della guerra Svitlana e il marito intendono ricostruire la loro casa a Moščun.

Leggi