Dichiarazione dell'Associazione internazionale Memorial in vista della pronuncia della sentenza contro Oleg Orlov il 26 febbraio 2024

Dichiarazione dell'Associazione internazionale Memorial in vista della pronuncia della sentenza contro Oleg Orlov il 26 febbraio 2024.

Il Tribunale Golovinskij di Mosca si accinge a pronunciare la sentenza contro Oleg Orlov, cofondatore di Memorial, attualmente copresidente del Centro per i diritti umani Memorial e membro del direttivo dell’Associazione Internazionale Memorial. Si tratta di un processo politico, di cui avevamo già trattato qui.  Orlov rischia fino a 3 anni di reclusione. L’Associazione internazionale Memorial alla vigilia dell’udienza ha rilasciato una dichiarazione, di cui pubblichiamo qui la traduzione.

Dichiarazione dell’Associazione internazionale Memorial – 25 febbraio 2024

Domani sarà emessa la sentenza per il secondo processo contro il nostro collega Oleg Orlov che rischia la reclusione per avere espresso la propria opinione. In uno stato democratico Orlov avrebbe il rispetto di tutti per il suo lavoro in difesa dei diritti umani. Nella Federazione Russa è sotto processo.

L’opinione non è un reato.

Giù le mani da Oleg Orlov.

Aggiornamento (26 febbraio 2024):

La pubblica accusa ha richiesto per Orlov 2 anni e 11 mesi di reclusione. Il giudice pronuncerà la sentenza domani, 27 febbraio, alle 12.00 (ora di Mosca, le 10.00 in Italia).

Al termine dell’udienza Orlov ha avuto modo di parlare con i giornalisti. Quando gli è stato chiesto se non si sia pentito di non avere lasciato la Russia, ha risposto:
“No, non me ne pento. Perché sono rimasto in Russia per continuare a svolgere la mia attività, il mio lavoro, che faccio da moltissimi anni. E quello che sta succedendo adesso, anche questo processo contro di me lo considero parte del mio lavoro. Fa parte del mio impegno in difesa dei diritti umani. Anche Katerina Tertuchina, la mia splendida avvocata, si impegna.”
Inoltre Orlov ha ribadito quanto sia importante sostenere i prigionieri politici:
“Già nel corso del primo processo, uscendo qui fuori, su questi scalini, avevo detto che bisogna ricordare, non bisogna dimenticare i prigionieri politici che si trovano nelle colonie penali e nelle carceri in modo del tutto ingiusto e illegittimo. Dobbiamo sempre ricordarci dei prigionieri politici e quello che è successo ad Aleksej Navl’nyj è una tragedia spaventosa, un crimine spaventoso. E la morte, l’assassinio pendono sulla testa di tutti i prigionieri politici come una spada di Damocle. E noi dobbiamo fare sempre qualcosa per aiutarli. Ognuno può fare qualcosa: scrivere una lettera, parlarne, affrontare l’argomento.”
Orlov ha sottolineato che, a prescindere dall’esito del suo processo, colleghi e amici continueranno a lavorare per difendere i diritti umani:
Ci sono tantissimi miei amici e colleghi sia qui in Russia, sia all’estero, e tutti loro portano avanti il nostro impegno. Nessuno ha lasciato perdere, nessuno di Memorial e nessuno delle altre associazioni che lavorano per i diritti umani. Nessuno ha smesso di lavorare, continuiamo, non sono solo! Se anche dovessi finire in carcere, gli amici e i colleghi continueranno a lavorare”.
Dal profilo su X del Centro per la Difesa dei diritti umani (@hrc_memorial) apprendiamo alcuni dettagli sull’udienza.
L’avvocata Katerina Tertuchina è intervenuta durante il dibattimento. Ha concluso che durante l’istruttoria e lo svolgimento del procedimento sono state commesse gravissime violazioni della legge. In particolare:
– la procura e il tribunale hanno privato Orlov di un difensore – Dmitrij Muratov;
– hanno limitato illegalmente il diritto a prendere visione dei materiali della causa;
– l’inquirente, contrariamente a quanto previsto dalla legge, ha colmato le lacune delle indagini preliminari: ha interrogato esperti che prima non aveva interpellato e ha disposto un’ulteriore perizia linguistica;
– la persecuzione giudiziaria è contraria alla Costituzione e agli accordi internazionali;
– tutto l’impianto accusatorio si fonda su prove inammissibili e su “prove testimoniali” manifestamente pregiudizievoli.
“Le domande dell’imputato e della difesa sono rimaste senza risposta. Se non vi rispondo alla domanda per cosa vi stanno processando, com’è possibile stabilire che cosa è oggetto di prova, quali sono i limiti della difesa? Che cosa resta da fare in questa situazione? Leggere Kafka? Ma io sono un avvocato, difenderò i diritti e le libertà di Orlov anche in questa situazione”- ha concluso Tertuchina.
Il testo completo del suo discorso (in russo) è stato pubblicato nel sito del Centro.
Domani, 27 febbraio, alle ore 12 secondo l’ora di Mosca (ore 10 in Italia) sarà annunziata la sentenza a Orlov.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi