Serpantinka

Serpantinka, luglio 2007

Foto di Daniele Castiglioni, luglio 2007

“…la produzione della squadra continuava a calare, il cibo diventava sempre peggiore. Dyukov provò a rivolgersi alle autorità superiori, ma le autorità superiori consigliarono agli addetti responsabili di inserire la squadra di Dyukov, insieme al caposquadra, nei famosi elenchi. La cosa fu fatta, e vennero tutti fucilati nella celebre “Serpantinka”.”

(Da: Varlam Shalamov, “I racconti della Kolyma”, Adelphi Edizioni, Milano 1995)

[nggallery id=12 template=caption]

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi