Memorial Italia ospite a Francoforte

Memorial Italia ospite allo stand di Memorial alla Fiera del libro di Francoforte 2009

Arsenij Roginskij, Herta Muller, Irina ScherbakovaQuest’anno 2009, alla Fiera del Libro di Francoforte (dal 15 al 18 ottobre), Memorial Italia ha presentato i risultati del proprio lavoro in un’esposizione allestita presso lo stand «Associazione Memorial», riservato dall’amministrazione dell’ente fieristico, come consuetudine, all’area russa.
Tra l’altro sono stati esposti i libri: «Cecenia. Una guerra e una pacificazione violenta» a cura di Marco Buttino e Alessandra Rognoni (Zamorani ed.; libro e manifesto);
«Stalinismo di Frontiera. Colonizzazione agricola, sterminio dei nomadi e costruzione statale in Asia centrale» (1905-1936) di Niccolò Pianciola (Viella ed.); «La morte della terra. La grande “carestia” in Ucraina nel 1932-33» a cura di Gabriele De Rosa e Francesca Lomastro (Viella ed.); «Storia dei diritti umani» di Marcello Flores (Il Mulino); «Italiani nel Gulag» di Francesca Gori e Elena Dundovich, in lingua russa (Rosspen).

Lo stand è stato cornice di numerosi eventi, diretti da Irina Ščerbakova, Arsenij Roginskij, Andrej Sorokin, Elena Kostioukovitch e Aleksandr Čerkasov. Fra gli ospiti illustri figura Herta Müller, Premio Nobel per la letteratura 2009, che ha voluto incontrare Irina Ščerbakova, Aleksandr Čerkasov e Arsenij Roginskij, intrattenendosi in una lunga conversazione. Studenti in visita, lezione Kostioukovitch

Fra i visitatori anche un gruppo di studenti di Bologna, del master in «Editoria cartacea e multimediale» diretto da Umberto Eco. Elena Kostioukovitch, membro di “Memorial Italia”, ha tenuto una lezione sull’attività di Memorial in Russia e in Italia.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi