Cociancich Emilio

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Cociancich

Nome: Emilio

Figlio di: Antonio

Luogo e data di nascita: Nato nel 1902.

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Di origine contadina, ortolano, senza partito. Nel 1934 emigra in URSS attraverso la Germania.

Data dell’arrivo in URSS: 1934.

Data, luogo e motivi dell’arresto: Viene arrestato una prima volta nel 1934 con l’accusa di spionaggio a favore dell’ambasciata tedesca in URSS. Nell’agosto 1938, mentre si trova al Severovostochnij lager, viene arrestato una seconda volta con l’accusa di partecipazione a un gruppo di sabotatori trockisti.

Condanna: Condannato a dieci anni di lager il 9 settembre del 1935. E’ deportato al Severo-Vostochnyj lager, dove lavora alla miniera “Vodop’janov”. L’ 8 agosto del 1938, dopo il secondo arresto, viene condannato alla fucilazione per agitazione antisovietica e indisciplina rispetto alle regole del campo di prigionia.

Data, luogo e causa della morte: Fucilato l’ 8 agosto 1938 a Magadan.

Riabilitazione: Riabilitato il 18 gennaio 1960.

Martirologi: Magadan

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi