Depangher Francesco

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Cognome: Depangher

Nome: Francesco

Figlio di: Pietro

Luogo e data di nascita: Nato a Capodistria il 3 dicembre 1894

Origine sociale e percorso politico prima dell’arrivo in URSS: Di famiglia operaia, pescatore, si iscrive al PCd’I nel 1921. Nel 1923 viene colpito da mandato di cattura per omicidio politico e condannato a 20 anni di prigione. Espatria clandestinamente. Giunge in URSS nell’agosto 1933 come emigrato politico.

Data dell’arrivo in URSS: 1933

Percorso professionale/politico in URSS: Risiede per alcuni anni a Odessa, dove svolge propaganda fra gli equipaggi delle navi italiane che fanno scalo in quel porto. In seguito si stabilisce a Gor’kij, dove vive con la moglie Evdokija Maksimovna e lavora nella fabbrica di automobili Molotov. Secondo alcune fonti, nel dicembre 1936 sarebbe in Spagna, arruolato nel Battaglione Dimitrov.

Condanna: Nel novembre 1942 è mobilitato per lavorare nella produzione e inviato a Čeljabinsk per costruire un grande impianto metallurgico. Il 17 novembre è arruolato nell’Armata Rossa

Data, luogo e causa della morte: Il 26 marzo 1943 muore di pellagra nell’ospedale di Čeljabinsk

Fonti archivistiche: Archiv Upravlenija MVD po Čeljabinskoj Oblasti; FIG, Fondo Robotti; ACS, CPC busta 1733

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi