Tempo di seconda mano: dialogo con le opere di Svietlana Aleksievic

sabato 9 gennaio ore 18.00 | Circolo della rosa Milano

sabato 9 gennaio ore 18.00 | Circolo della rosa Milano

Tempo di seconda mano di Svietlana Aleksievic

Laura Minguzzi e Patrizia Deotto, prof.ssa Associata di Lingua e Letteratura russa presso la Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori dell’università di Trieste, dialogano con le opere della giornalista Svietlana Aleksievic, premio Nobel alla Letteratura 2015. La scrittrice di lingua russa è originaria della Bielorussia, dove oggi è ritornata dopo vari anni di esilio in Europa. Nel suo ultimo libro, una sorta di romanzo polifonico, Tempo di seconda mano, (Bompiani 2014), più che negli altri suoi reportages sulla Russia Sovietica, si espone soggettivamente e mostra la sua sofferenza, offrendo alla riflessione comune, con la sua scrittura a più voci, un romanzo definito un monumento a una civiltà perduta.

L’ottimo buffet, organizzato dal gruppo di cucina relazionale Estia, concluderà ogni iniziativa.
La stesura del programma è curata da Luciana Tavernini e Marina Santini
La presidente del Circolo della rosa Laura Minguzzi

Circolo cooperativo Sibilla Aleramo – Libreria delle donne
Via Pietro Calvi, 29 – 20129 Milano
Tel. 0270006265
info@libreriadelledonne.itwww.libreriadelledonne.it

 

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi