Dichiarazione di Memorial sulla sentenza del caso Jurij Dmitriev

Un verdetto che non rende giustizia

Dichiarazione dell’Associazione Internazionale «Memorial»

Oggi, 22 luglio 2020, il lungo processo a Jurij Dmitriev si è concluso con una condanna a 3 anni e 6 mesi in base a uno dei capi d’imputazione mossi dall’accusa.

 

Nonostante l’evidente indulgenza dimostrata nell’emettere questa sentenza, rispetto ai 15 anni di reclusione richiesti dalla procura, il verdetto non rende giustizia.

Fin dall’inizio era evidente l’assoluta infondatezza delle accuse. E una tale condanna per un’accusa così pesante significa una cosa sola: l’accusa non ha le prove di una reale colpevolezza di Dmitriev circa le accuse di violenza sessuale contro la figlia minorenne da lui adottata.

 

E ciononostante queste accuse hanno già tolto a Jurij Dmitriev più di tre anni di libertà, spezzando il destino della figlia adottiva.

 

Mosca, 22 luglio 2020.

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi