Dichiarazione di Memorial sulla sentenza del caso Jurij Dmitriev

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Dichiarazione dell’Associazione Internazionale «Memorial»

Oggi, 22 luglio 2020, il lungo processo a Jurij Dmitriev si è concluso con una condanna a 3 anni e 6 mesi in base a uno dei capi d’imputazione mossi dall’accusa.

 

Nonostante l’evidente indulgenza dimostrata nell’emettere questa sentenza, rispetto ai 15 anni di reclusione richiesti dalla procura, il verdetto non rende giustizia.

Fin dall’inizio era evidente l’assoluta infondatezza delle accuse. E una tale condanna per un’accusa così pesante significa una cosa sola: l’accusa non ha le prove di una reale colpevolezza di Dmitriev circa le accuse di violenza sessuale contro la figlia minorenne da lui adottata.

 

E ciononostante queste accuse hanno già tolto a Jurij Dmitriev più di tre anni di libertà, spezzando il destino della figlia adottiva.

 

Mosca, 22 luglio 2020.

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi