Nobel per la pace 2022: celebrazione del riconoscimento con eventi a Milano e Roma

La medaglia del Nobel per la pace 2022 arriva in Italia. Appuntamenti a Milano e a Roma il 9, 11 e 12 giugno.

La medaglia del Nobel per la pace 2022 arriva in Italia

Gli attivisti di Memorial Italia celebrano l’importante riconoscimento con eventi a Milano e Roma

Nei prossimi giorni Memorial Italia riceverà una copia della medaglia del Nobel, conferita a Memorial nel 2022 assieme al Centro per le libertà civili di Kiev e al dissidente belorusso Ales’ Bjalackij. In questa occasione speciale si terranno una serie di eventi aperti al pubblico e alla stampa ai quali presenzierà Elena Borisovna Zhemkova, direttore esecutivo di Memorial Internazionale.

Venerdì 9 giugno alle 16.30 a Palazzo Marino (Milano), si terrà un incontro tra il sindaco Giuseppe Sala, Memorial Italia e il Centro per le libertà civili di Kiev, al quale seguirà una conferenza stampa aperta al pubblico e presieduta dalla presidente del Consiglio comunale di Milano Elena Buscemi.

Domenica 11 giugno alla Festa di Radio Popolare, nel parco ex Paolo Pini in via Ippocrate 47 (Milano), si terrà alle 17.30 l’incontro “Nobel per la Libertà”, nel quale si discuterà delle ripetute violazioni dei diritti umani in Russia e in Ucraina, tra cui ricordiamo la drammatica deportazione di migliaia di bambini ucraini in territorio russo, e del possibile ruolo della società civile ucraina e russa per la costruzione di un futuro libero e democratico. Su questi temi dialogheranno Elena Zhemkova, direttore esecutivo di Memorial Internazionale, Mikhail Savva, membro del Centro per le libertà civili di Kiev, Andrea Gullotta, Presidente di Memorial Italia, Danila Tkachenko, dissidente russo, fotografo e vincitore del World Press Photo, e Anna Zafesova, giornalista, scrittrice, e collaboratrice de La Stampa e de Il Foglio. Modera Michele Migone di Radio Popolare. Gli eventi milanesi sono aperti al pubblico.

Lunedì 12 giugno alle 18.00 si terrà una conferenza stampa al Senato, nella Sala Caduti di Nassiriya, dove si discuterà della dissidenza russa e delle repressioni politiche in corso in Russia. Il Sen. Giulio Terzi di Sant’Agata, presidente della quarta commissione permanente per le politiche dell’Unione Europea e organizzatore dell’incontro, aprirà la conferenza stampa, a cui interverranno Elena Zhemkova, Andrea Gullotta, Elena Kostioukovitch, scrittrice, giornalista e membro di Memorial Italia, Giuseppe Provenzano, deputato e responsabile Esteri del PD, Giovanni Terzi, direttore di The Global News, e Matteo Angioli, segretario generale del Global Committee for the rule of law Marco Pannella.

La conferenza stampa rappresenta un importante momento di confronto istituzionale sulla situazione attuale di Memorial e, più latamente, per discutere la situazione dei dissidenti russi, sia in patria, sia all’estero. Le proteste in Russia contro il potere, lo status dei dissidenti russi emigrati e i numerosi ostacoli che incontrano forniscono inoltre l’occasione di discutere il ruolo dell’Italia nel supporto ai dissidenti russi emigrati e le azioni necessarie per rimuovere gli ostacoli legislativi che impediscono all’Italia di aiutare più concretamente i dissidenti russi.

Per accreditarsi alla conferenza stampa è necessario mandare nome, data e luogo di nascita, contatto telefonico, numero tesserino Odg e nome testata all’indirizzo: matteo.angioli@senato.it

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Jurij Ljapkalo, padre di Hlib, di Mariupol’: “In ogni cortile ci sono tombe di civili uccisi”.

Il toponimo Mariupol’, così come Buča, è divenuto tristemente famoso anche oltre i confini dell’Ucraina ed è assurto a emblema della guerra di annientamento portata avanti dall’esercito russo. Jurij Ljapkalo è padre di un bambino di soli tre anni, Hlib, che è vissuto con lui durante l’occupazione, e racconta la lotta quotidiana per prendersi cura del figlio.

Leggi