Aggiornamento sul processo ad Aleksandr Černyšov

Presso il Tribunale circoscrizionale Leninskij di Perm’ si è tenuta l’udienza intesa a prorogare la misure di custodia cautelare per Aleksandr Černyšov.

08.12.2023

Ieri mattina presso il Tribunale circoscrizionale Leninskij di Perm’ si è tenuta l’udienza intesa a prorogare la misure di custodia cautelare per Aleksandr Černyšov, nostro collega di Memorial Perm’ e del Centro della memoria storica di Perm’. Il giudice, come al solito, ha accolto la richiesta degli inquirenti di tenere l’udienza a porte chiuse, in quanto “sarebbero stati usati materiali che costituiscono segreto d’inchiesta”. I giornalisti, gli amici e i collaboratori di Černyšov che si erano presentati in tribunale sono stati allontanati dall’aula.

L’inquirente dell’FSB ha proposto alla corte di estendere la detenzione di Černyšov fino al 10 marzo. La procura ha accolto la richiesta. Aleksandr Černyšov e la sua difesa si sono opposti alla detenzione nel SIZO n. 1, centro di detenzione preventiva, e hanno chiesto gli arresti domiciliari. Černyšov ha un appartamento di proprietà a Perm’, a pochi passi dal centro, dove può alloggiare, aiutato in questo dal fratello, che vive nella stessa città, e dagli amici della comunità battista. Il tribunale ha accolto le richieste degli inquirenti e della procura: Aleksandr Černyšov resterà in carcere come minimo fino al 10 marzo in base ad accuse fabbricate ad hoc.

Aleksandr Černyšov è accusato di “tentativo di contrabbando di beni culturali” ed è detenuto dal 20 maggio.

Per scrivere una lettera ad Aleksandr Černyšov:
СИЗО №1 Перми, Чернышов Александр Анатольевич, 1972 г. р.
(SIZO No. 1 di Perm’, Černyšov Aleksandr Anatol’evič, nato nel 1972)
Si consiglia di scrivere in russo.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Premio Alexander Langer 2023

Il 22 febbraio 2024 si è tenuta la cerimonia di conferimento del “Premio internazionale Alexander Langer 2023”, che è stato attribuito alla giornalista e attivista per i diritti umani bielorussa Olga Karach, con una menzione speciale all’associazione per i diritti umani ucraina Zmina.

Leggi

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi