Gli ultimi testimoni. Il progetto

L’associazione internazionale Memorial raccoglie testimonianze orali delle vittime e dei testimoni del periodo totalitario sovietico.

Il progetto “Gli ultimi testimoni”

www.1917-1991.org

L’associazione internazionale Memorial raccoglie testimonianze orali delle vittime e dei testimoni del periodo totalitario sovietico. Lo scopo di queste videointerviste è mettere a disposizione della società e dei ricercatori tali documenti.

I ricordi dei testimoni rappresentano una delle fonti più importanti per capire come vivessero, e sopravvivessero, i detenuti dei Gulag e cosa volesse dire essere cittadino di uno Stato totalitario. Almeno finché le fonti sono disponibili.

Registrazione di un’intervista a Omsk (Foto: Sergej Gorbunov — © MEMORIAL International)

Perciò il nostro scopo primario è raccogliere e conservare queste testimonianze intanto che i testimoni sono ancora in vita. Attualmente, esistono pochissimi documenti filmati simili, che conservino i ricordi dei testimoni russi dell’epoca. Di ulteriori dettagli su questo progetto hanno parlato i collaboratori di Mosca dell’associazione Memorial Alëna Kozlova e Irina Ostrovskaja in un’intervista alla stazione “L’eco di Mosca”. L’undici aprile del duemilanove, la radio ha trasmesso un programma sui testimoni dello stalinismo. La conduttrice Natella Boltjanskaja ha parlato con i collaboratori che hanno raccolto le videointerviste delle vittime e dei testimoni del periodo della dittatura sovietica (http://www.echo.msk.ru/programs/staliname/584547-echo/)

Lavoro sui documenti fotografici d’archivio (Foto: Sergej Gorbunov — © MEMORIAL International)

Interviste pubblicate

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Valerija Kamins'ka, abitante di Mariupol'

Valerija Kamins’ka viveva a Mariupol’, aveva un’agenzia turistica. Poi sono arrivate le truppe russe, coi carri armati che sparavano a caso in mezzo alla città, distruggendo tutto, seminando la morte, impedendo di seppellire i morti. A salvare Valerija è stata la solidarietà di chi le stava accanto. Nell’intervista realizzata da Volodymyr Noskov e Denys Volocha racconta del periodo trascorso sotto l’occupazione russa di Mariupol’.

Leggi