Words will break cement: the passion of Pussy Riot

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Words will break cement: the passion of Pussy Riot

Words will break cement: the passion of Pussy Riot, Masha Gessen

Pubblicato da Riverhead Trade, 2014

Il 21 febbraio 2012, cinque giovani donne entrano nella Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca. Sono vestite con abiti coloratssimi, hanno il collant, il passamontagna e portano degli strumenti musicali. Di fronte all’altare maggiore iniziano una “preghiera punk” implorando la “Madre di Dio ” di “sbarazzarsi di Putin”. La sicurezza le blocca immediatamente e nelle settimane e nei mesi successivi, le tre delle donne sono arrestate e processate: due sono condannate a scontare una pena detentiva di due anni a una remota colonia penale. L’incidente cattura subito i titoli dei grandi media internazionali e il video della performance diventa virale. Le persone in tutto il mondo vi riconoscono non solo un feroce atto politico, ma anche un’opera d’arte ispirata che, in un tempo e luogo saturo di bugie, ha trovato una nuova modalità di esprimere la verità. Il racconto avvincente di Masha Gessen spiega come sia potuto accadere qualcosa del genere. Grazie al suo esclusivo e quotidiano contatto diretto con i membri delle Pussy Riot, delle loro famiglie e collaboratori, l’autrice ricostruisce le loro affascinanti storie personali. Assistiamo così allo svolgersi della storia che ha visto un gruppo di giovani donne trasformarsi in artisti, con una visione condivisa, prendere la coscienza, il coraggio e l’immaginazione per esprimere la loro protesta, e dotarsi della forza per sopportare la solitudine devastante e l’isolamento del confino che sono stati il prezzo pagato al loro trionfo. Il libro della Gessen produce anche la trascrizione di molti documenti come le dichiarazioni delle ragazze durante il processo che erano introvabili per il lettore non di lingua russa.

Leggi la recensione del “The economist” su ebookextra.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi