Grande guerra di Sof’ja Fedorčenko

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Grande guerra di Sof’ja Fedorčenko

Grande guerra. Il popolo russo in guerra

Autore: Sof’ja Fedorčenko

ADV Publishing House

Il popolo russo in guerra, nella Grande guerra. 1915-1916, Sof’ja Fedorčenko è la giovane infermiera che si aggira tra i soldati feriti del fronte orientale cercando di curarli. Non è l’eco dei suoi pensieri che udiamo qui, nelle pagine di questo libro, ma le tante voci discordi – sbigottite o spavalde, remissive o indignate – di contadini e operai russi persi nel gorgo di una mattanza che da lì a breve, dopo la pace di Brest-Litovsk, diventerà guerra di classe aperta. Proposto per la prima volta al lettore italiano, questo libro autenticamente rivoluzionario restituisce in presa diretta il ritratto collettivo di un popolo in guerra, senza censure né abbellimenti. Un inedito affresco epico che con dedizione ed empatia dà la parola a chi non è autorizzato ad averla.

Articolo di Stefano Garzonio su Alias 25/01/2015

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi