Sul 60° anniversario della rivoluzione ungherese del 1956

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Sul 60° anniversario della rivoluzione ungherese del 1956

Budapest 1956.
La memoria divisa Sessant’anni fa la rivoluzione di ottobre in Ungheria.
Una memoria ancora oggi frammentata e contesa.
di Alessandra Solarino

La rivolta per la libertà dei ragazzi di Pest. È questa la narrazione ufficiale del Cinquantasei nell’Ungheria di Orban, a sessant’anni dalle giornate dell’ottobre ungherese, quando studenti, gente comune, intellettuali e politici si trovarono dalla stessa parte della barricata per combattere la dittatura sovietica. I manifesti alle fermate della metro della città danubiana raccontano una rivolta dei senza nome, “perché ognuno di noi può scoprirsi rivoluzionario” spiega la storica Reka Kiss, presidente del Comitato del ricordo, nominato dal Parlamento. Ma quella dei ragazzi di Pest è soltanto una delle facce del diamante e lascia in ombra il ricordo del comunista riformista Imre Nagy, primo ministro del governo rivoluzionario, di Pal Malèter, capo militare degli insorti, e dell’elite intellettuale di allora, insieme al sogno di un socialismo dal volto umano.  – Continua a leggere su RaiNews

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi