Bookcity Milano 2020

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Bookcity Milano 2020

14 novembre, ore 10.00
Zoom meeting
Aleksandr Kerenskij: l’appello alle folle e l’immagine del leader

Con Marco Buttino, Marcello Flores e Anna Zafesova

In occasione dell’uscita del libro di Boris Kolonickij «Compagno Kerenskij» 1917: la rivoluzione contro lo zar e la nascita del culto del vožd’, capo del popolo
Viella 2020

Per partecipare all’incontro https://zoom.us/j/94189866318

Sarà inoltre possibile seguire la diretta streaming sulla pagina Facebook e sul canale YouTube della casa editrice.

——————————————-

15 novembre, ore 18.00
Zoom meeting
In lotta per una nuova arte: avanguardie artistiche e rivoluzione nelle memorie di Nikolaj Punin

Con Marcello Flores, Valentina Parisi e Gian Piero Piretto

In tale occasione verrà presentato il volume di Nikolaj Punin L’arte in rivolta. Pietrogrado 1917
Guerini e Associati 2020

Per partecipare all’incontro https://zoom.us/j/97791649402

È inoltre possibile seguire la diretta streaming dell’incontro sulla pagina Facebook della casa editrice.

 

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi