Appello di Memorial Italia in seguito alla condanna inflitta ad Aleksej Naval'nyj e alla violenta repressione delle proteste in tutto il paese.

Ci uniamo a tutti coloro che chiedono l’immediata liberazione.

L’arresto di Aleksej Naval’nyj e ora la sentenza del tribunale che lo priva della libertà sono atti che pongono apertamente il sistema politico russo fuori dell’ordine democratico.
Chiediamo con forza al Presidente Putin di rispettare i diritti politici dell’opposizione, di garantire l’autonomia del potere giudiziario e di non utilizzare la violenza delle Forze dell’Ordine contro i cittadini che protestano.
Ci uniamo a tutti coloro che chiedono l’immediata liberazione dei cittadini che in questi giorni sono stati arrestati per avere espresso le loro opinioni e ci impegniamo a contribuire a mantenere vigile l’opinione pubblica del nostro paese sulle azioni illiberali e violente in corso in Russia.
Chiediamo al Governo italiano di prendere immediatamente i necessari provvedimenti.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Voci dalla guerra. Iryna e Natalija Ostapovs’ki, madre e figlia: “Un razzo ha ucciso mio padre. Sono immagini che non mi usciranno più dalla memoria né dal cuore”

Brandelli di carne in un cratere: questo è tutto ciò che è rimasto del padre di Natalija e marito di Iryna, ucciso da una bomba russa nel villaggio di Červona Hirka, davanti agli occhi delle sue congiunte. Con lui è andata distrutta la casa, sono arsi tutti gli animali. Di fronte a questa scena apocalittica Iryna e Natalija sono annichilite, ma grazie alla solidarietà di altri ucraini sono riuscite a mettersi in salvo e a non lasciarsi andare. Ora confidano che tutte queste morti e distruzioni non restino impunite.

Leggi