I giornali russi in solidarietà con i colleghi bollati come “agenti stranieri”

Redazione Memorial Italia

La Redazione è composta da storici dell’Europa orientale, slavisti, traduttori e studiosi di memoria e storia e dei totalitarismi e collabora con ONG e istituzioni nazioni e internazionali per promuovere e divulgare progetti sulla storia sovietica e diritti umani.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

I giornali russi in solidarietà con i colleghi bollati come “agenti stranieri”

“Non ci sono agenti stranieri, ci sono i giornalisti”, questo lo slogan della campagna di alcuni giornali russi, che nella Giornata internazionale di solidarietà con i giornalisti, hanno lanciato un’azione per sostenere i media e i singoli giornalisti che sono stati elencati dal Ministero della Giustizia come “agenti stranieri”. Tra i partecipanti all’azione ci sono più di 40 media russi, tra cui Novaya Gazeta, Mediazona, Dozhd, Meduza, Vazhnye Istorii, Cholod, OVD-info, Taiga.info, TV2, The Bell, Respublika, Bumaga, Doxa, 7×7, The Village e altri,

Per tutta la giornata dell’8 settembre, i partecipanti all’azione accompagneranno i materiali sui siti web e/o i post sui social network con cartelli simili a quelli pubblicati dai media “agenti stranieri” su richiesta delle autorità russe.

La legge, infatti, impone che i media inclusi nella lista accompagnino ogni pubblicazione dalla scritta “Questo messaggio (materiale) è prodotto e/o distribuito da un media straniero che svolge le funzioni di un agente straniero e/o da una persona giuridica russa che svolge le funzioni di un agente straniero”.

Nella giornata di oggi, i giornali che hanno aderito all’azione pubblicheranno, in segno di solidarietà, la scritta “Questo messaggio (materiale) è stato creato e/o diffuso da un mezzo di comunicazione di massa che svolge la funzione di un mezzo di comunicazione di massa”, in un chiaro e coraggioso segnale di dissenso nei confronti della legge e delle autorità.

Per saperne di più sulla legge, potete leggere questo articolo.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi