Una raccolta fondi per Sandormoch

Aiutaci a crescere

Condividi su:

La scoperta di Sandormoch, luogo di esecuzione di 6241 persone, non sarebbe potuta avvenire se un poliziotto russo non avesse rinvenuto un documento in cui figurava la firma del padre.

Mentre lavorava negli archivi Ivan Čuchin scoprì la firma del padre su una lista d’esecuzione dell’NKVD del 1937, un fatto che lo lasciò sgomento. La famiglia infatti era al corrente soltanto della sua partecipazione nella Guerra d’Inverno e nella grande Guerra Patriottica, nelle quali fu ripetutamente ferito e per le quali ricevette riconoscimenti e medaglie. Successivamente il padre di Ivan Čuchin prestò servizio nell’’estremo nord.

Negli anni 90 Ivan Čuchin divenne il presidente di Memorial in Karelia, e nel 1993 fu eletto nel collegio elettorale della regione. Durante il mandato si prodigò per l’apertura degli archivi dell’NKVD e la declassificazione dei relativi documenti, che infine gli permise di indagare i destini delle vittime delle repressioni politiche disperse in Karelia. Infine conobbe Jurij Dmitriev.

L’11 maggio 1997 Ivan Čuchin morì in un incidente stradale. Il suo lavoro passò dunque nelle mani di Jurij Dmitriev che insieme a Irina Flige e Veniamin Iofe il 1 luglio dello stesso anno scoprirono la fossa comune di Sandormoch, uno dei luoghi di sepoltura delle vittime del grande terrore (staliniano). Poco dopo gli archivi statali furono nuovamente chiusi e Jurij Dmitriev perseguito per le sue ricerche.

Nel 2019 Irina Flige pubblica il saggio “Sandormoch. Drammaturgia dei significati”, una delle opere più importanti sulla storia del luogo e sulla conservazione della memoria delle vittime delle repressioni sovietiche. L’opera determinò l’espulsione della studiosa dal comitato presidenziale.
Grazie al coraggioso supporto di Stilo Editrice, l’iniziativa di Giulia De Florio e Andrea Gullotta di tradurre e pubblicare questo testo ha avuto una continuazione.  A questo link è possibile effettuare la donazione e aiutare la pubblicazione del libro.

Aiutaci a crescere

Condividi su:

Per sostenere Memorial Italia

Leggi anche:

Intervista a Il’ja Jašin

Cinque mesi fa il tribunale circoscrizionale Meščanskij di Mosca ha condannato il politico Il’ja Jašin a otto anni e mezzo di colonia penale per aver diffuso «fake news» sull’esercito russo. Da dietro le sbarre Jašin continua a ribadire il suo no alla guerra e a Vladimir Putin. Il direttore di «Cholod» Maksim Zagovora gli ha scritto una lettera chiedendogli di rispondere a domande su guerra, carcere, compagni di cella, Russia e Aleksej Naval’nyj.

Leggi

Voci dalla guerra: Oleksij Symonov

Il carismatico 44enne Oleksij Symonov lavora nell’organizzazione di iniziative e gare sportive. Ritiene che la comunicazione svolga un ruolo fondamentale: più di una volta lo ha aiutato non solo a sopravvivere in una Mariupol’ occupata, ma anche a mettere in salvo chi divideva con lui il rifugio.

Leggi